Condividere la fede attraverso l’arte

7 Aprile 2022Articolo

Durante questa celebrazione dell’Anno Ignaziano, sant’Ignazio di Loyola viene ritratto in una miriade di modi, da quelli tradizionali – come si vede nei grandi dipinti, nelle sculture e nei testi antichi provenienti dall’Europa – a quelli più attuali, di solito come illustrazione o anche come design grafico. Un giovane gesuita polacco, il padre Mateusz Orlowski, ha recentemente completato il proprio ritratto di Ignazio. “La conversione di Iñigo de Loyola” cattura il volto di un uomo giovane e bello, pieno di vita e di energia, ma anche vulnerabile e crudamente umano.

 

Quest’intervista con il padre Mateusz Orlowski è stata precedentemente pubblicata sul sito web della Conferenza dell’Asia Pacifico (JCAP). https://jcapsj.org/blog/2021/06/16/sharing-the-faith-through-art/

 

 

“Ci sono molti dipinti di sant’Ignazio, ma la maggior parte di essi lo ritraggono nelle ultime fasi della sua vita, come fondatore della Compagnia di Gesù. Ci sono alcuni dipinti che mostrano Ignazio subito dopo la sua conversione, quando era molto giovane – ma di solito usano un modo simile di dipingere il suo volto, già abbastanza vecchio e calvo”, dice il padre Orlowski. “Quando ho iniziato a pensare di dipingere un ritratto di Ignazio, non volevo seguire lo stesso modello… Volevo mostrare in questo ritratto che, prima della conversione, egli era un cortigiano e un soldato. Una delle cose che mi ha ispirato è stato il film del 2016, “Ignacio de Loyola”, che mostrava Ignazio come un personaggio giovane, coraggioso e pieno di vita”.

 

Dall’idea iniziale, ci sono voluti circa tre mesi per finire il dipinto. Il suo processo creativo ha avuto due fasi cruciali: “La prima consisteva nel trovare la giusta composizione e la seconda nel comprendere come

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest
  • LinkedIn
dipingere il volto di Ignazio”, dice. “La prima parte ha richiesto circa un mese. Ho fatto alcuni piccoli disegni e dipinti cercando di trovare la composizione migliore. Una volta che l’ho individuata ho iniziato a lavorare sul volto”. L’artista ha adottato uno stile molto realistico, volendo che l’immagine fosse riconoscibile come quella di sant’Ignazio. “Avevo bisogno di alcune immagini di riferimento. Naturalmente non abbiamo alcuna foto, ma quello che abbiamo è la sua maschera funeraria. L’ho usata per ottenere la somiglianza di base con il vero Ignazio”, afferma. “Il resto del volto è frutto della mia immaginazione e di alcune altre foto di riferimento che mi hanno aiutato con il collo, i capelli e i vestiti”. Il p. Orlowski ha discusso i risultati con i suoi fratelli e amici gesuiti. “Il loro riscontro è stato molto utile per apportare le correzioni necessarie e mi ha assicurato che stavo procedendo nella giusta direzione”.

 

 

 

 

Il p. Orlowski, che ha studiato arte in Polonia, è ora in missione a Taiwan dove sta imparando il mandarino da meno di un anno. “Man mano che le mie competenze linguistiche miglioravano, ho iniziato gradualmente a fare un po’ di lavoro pastorale”, dice. “Recentemente, ho anche iniziato a dare lezioni di pittura iconografica. Anche se sono abbastanza esperto in questo campo, insegnare pittura iconografica a Taiwan è abbastanza impegnativo, non solo per via della lingua, ma anche per i diversi contesti culturali. In Polonia, cresciamo in una cultura cristiana e siamo circondati dall’arte cristiana. Qui è diverso”.

 

Il suo desiderio di essere un missionario deriva dai suoi giorni di noviziato, all’inizio della sua formazione come gesuita. “Dopo aver letto le storie di san Francesco Saverio e Matteo Ricci, e la storia più contemporanea del padre Pedro Arrupe e della sua esperienza in Giappone, mi sono sentito molto ispirato”, dice. “Ho trovato le loro vite davvero affascinanti”. Alcuni anni dopo, ha iniziato a discernere la chiamata di Dio perché andasse in Asia. “I miei superiori hanno accettato di darmi l’opportunità di ascoltare più attentamente questa chiamata”, ricorda. Ha studiato lingua presso il Centro di studi cinesi di Pechino, un’istituzione gestita dai gesuiti che promuove la comprensione reciproca tra la Cina e le altre culture. Dopo aver terminato gli studi in Polonia, è tornato in Asia “per continuare questo esperimento missionario”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest
  • LinkedIn

 


“Penso che l’arte sia una grande piattaforma per il ministero. Dà il grande vantaggio di poter raggiungere un vasto pubblico. Di solito, nei nostri ministeri, siamo limitati alla cosiddetta ‘bolla della Chiesa’. È molto difficile raggiungere le persone al di fuori di questa bolla”, dice il p. Orlowski. “La mostra per la mia laurea all’Università delle Arti di Poznań verteva su vecchi simboli cristiani e motivi biblici. Non c’erano dipinti religiosi, in senso stretto, ma poiché le mie opere erano legate alla Bibbia e al Cristianesimo, hanno naturalmente provocato alcune domande sulla fede e su Dio. Mostrare questi dipinti ai miei colleghi e ad altre persone interessate all’arte figurativa mi ha dato una sorta di scusa per parlare di spiritualità e di fede al di fuori della bolla della chiesa”.

 

Il lavoro del p. Orlowski, oltre ai laboratori di pittura iconografica in cui il suo obiettivo è “insegnare sia gli aspetti spirituali che quelli artistici delle icone bizantine”, comprende anche dipinti religiosi per cappelle e per uso privato. “Quando ho iniziato a dipingere non avevo un tipo di arte o uno stile preferito. A un certo punto, ho scoperto che gravitavo naturalmente nel realismo e nell’arte figurativa”, afferma. “Più tardi, ho capito che questo è legato al mio approccio alla vita in generale. Voglio promuovere un approccio più affermativo al mondo… Io credo che l’intera creazione sia un dono di Dio. Io penso che quando cominciamo ad apprezzare la bellezza del mondo che ci circonda, la sua armonia e il suo disegno, cominciamo a ‘vedere nuove tutte le cose in Cristo’. Scopriamo l’amore di Dio che risplende attraverso tutta la creazione”.

Written byÉcrit parEscrito porScritto da Ignatian Year Team
Siamo orgogliosi di coprire e promuovere le notizie e gli eventi più importanti dell'Anno Ignaziano 2021-2022. Leggi di più su ignatius500.global e jesuits.global!

More articlesPlus d’articlesMás artículosAltri articoli

Uomo di preghiera

Uomo di preghiera

Durante questo Anno Ignaziano, pubblichiamo una serie di omelie che il P. Generale Kolvenbach ha tenuto nei giorni della festa di S. Ignazio. In questa prima omelia, P. Kolvenbach parla d'Ignazio come uomo di preghiera. Chiesa del Gesù, Roma, 31 luglio 2002 Celebrando...

Sofferenza salvifica. Una testimonianza della mia conversione…

Sofferenza salvifica. Una testimonianza della mia conversione…

Sofferenza salvifica. Una testimonianza della mia conversione…   Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nell’Annuario dei gesuiti del 2021. Potete trovare l’intero Annuario seguendo questo link.   Il 21 febbraio del 2014, mentre mi dirigevo a...

In cammino con Ignazio – Episodio 10

In cammino con Ignazio – Episodio 10

Serie di video del P. Generale Guardate il video seguente per unirvi al Padre Generale mentre riflette sulla Compagnia, la Chiesa e il Mondo. Partendo dai contenuti del decimo capitolo del libro che ha pubblicato in occasione dell'Anno ignaziano, il p. Arturo Sosa...

Pin It on Pinterest